Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1522 volte

Benevento, 03-06-2024 01:11 ____
Calcio, Serie C: Svanito il sogno promozione il presidente Oreste Vigorito tira un bilancio della stagione e illustra le aspettative della prossima
Ci rialzeremo anche questa volta. Fino a quando ci saro' io mai partiremo per disputare campionati anonimi. Sono soddisfatto del lavoro svolto sui giovani. Il tecnico Gaetano Auteri restera' se le sue idee seguiranno le nostre
Nostro servizio
  

Al termine della sfida con la Carrarese, l'unico ad intervenire in Sala Stampa è stato il presidente del Benevento Calcio, Oreste Vigorito, che ha tracciato il bilancio della stagione appena andata in archivio illustrando quelli saranno gli obiettivi e le aspettative per la prossima.
Innanzitutto ha spiegato che la decisione d'intervenire solo lui è derivata dalla necessità di preservare sia gli atleti che l'allenatore.
"Voglio ringraziare - ha subito esordito - il pubblico non per il tifo e l'affetto che ci hanno mostrato questa sera ma per quello che questa gente riesce a dare nei momenti difficili.
Aver sottolineato con applausi e cori una sconfitta che brucia mi fa pensare che con questa città, con questa gente nei momenti importanti ci si ritrova, probabilmente perché abbiamo gli stessi valori.
Non nego che vincere è bello e importante ma lo è anche perdere se lo si fa con dignità.
Il difficile non è cadere ma rialzarsi e noi lo faremo anche questa volta.
Rialzarsi non significa solo dare alla città, alla tifoseria la certezza di essere iscritti al prossimo campionato bensì di portare avanti un progetto.
Quest'anno avevamo due obiettivi da perseguire: disputare un campionato competitivo e valorizzare i giovani che abbiamo in squadra questo perché, per come evolve il calcio, senza questo obiettivo sei costretto a morire.
Avremmo voluto anche vincere ma non ci siamo riusciti.
Aver portato diversi calciatori in prima squadra poco più che ventenni, credo sia un grande merito e anche un grande messaggio dato ai tifosi.
I vari Perlingieri, Viscardi, Talia hanno disputato una stagione con il cuore ed hanno dimostrato di tenere a questa città ed il prossimo anno non saranno considerati degli sconosciuti.
La stagione appena trascorsa ci ha visto compiere degli errori ma è anche vero che abbiamo dovuto gestire una situazione difficile dopo la retrocessione dello scorso anno con ben 33 elementi in "rosa".
Già la retrocessione è stata traumatica, poi si aggiungano le difficoltà del mercato e quelle di un campionato a cui non si era più abituati, essere arrivati in semifinale significa aver fatto meglio di altre retrocesse dalla B (Perugia e Spal ndr) ed essere andati vicino alla realizzazione del sogno.
Mi sento di promettere ai tifosi che fin quando sarò in questa città, proveremo sempre a risalire ed a tornare in Serie B e nessumo potrà mai dire che partiremo per disputare campionati anonimi.
La mia soddisfazione riguarda proprio il mio stato d'animo, nonostante la sconfitta.
Proveremo ancora ad emozionarci e a fare emozionare gli altri".
Quindi, Vigorito è passato a parlare del tecnico Gaetano Auteri e del suo futuro: "Devo dargli atto che, diversamente da molti suoi colleghi, non ha mai chiesto il rinnovo e questo è già un grande merito.
In questo momento, Auteri non ha il contratto ma è seduto su una sedia che solo lui può perdere.
Abbiamo un programma per il prossimo anno su cui non arretreremo, chiunque sia l'allenatore.
Ad Auteri diremo cosa vogliamo fare e non viceversa.
In questi giorni ne abbiamo parlato e gode della mia stima e di quella del nostro direttore sportivo.
Le conferme vanno fatte quando si è d'accordo sui programmi, sottoporremo il programma al nostro allenatore e se c'è convergenza, andremo avanti.
Carli e Auteri sono due persone che dialogano, vanno d'accordo, a volte discutono ma fanno quello che è il desiderio della proprietà".
Un passaggio, Vigorito lo ha fatto anche su quelli che sono gli obiettivi: "L'anno prossimo avremo una situazione diversa da quella dello scorso anno, quando eravamo reduci da una retrocessione con tanti elementi che volevano andare via.
In questa stagione abbiamo gettato delle solide basi e costruire su questo tipo di fondamenta diventa tutto più facile.
Certo ora prevedere quello che accadrà è impossibile, le storie si raccontano alla fine ma l'intenzione di fare bene c'è".
Vigorito ha poi parlato del settore giovanile: "Sono molto soddisfatto del lavoro effettuato. Quest'anno le squadre sono arrivate tutte alle fasi finali dei tornei cui hanno partecipato.
Questo ci dice che dietro c'è un’onda che continua a spingere e forse potremo trovare qualche altra sorpresa il prossimo anno".
Sulla stagione appena trascorsa ha aggiunto:"Abbiamo avuto la possibilità di vincere direttamente il torneo ma che ci siamo lasciati sfuggire dopo la sconfitta di Monopoli.
Avrei voluto vincere, però a differenza degli altri anni prevale la soddisfazione di non aver lasciato nulla per caso.
Aver riacquistato la fiducia in un mondo che non è esattamente riconoscente a chi investe, mi dà grande serenità.
Quest'anno ci ho rimesso altri 12 milioni, per fare la Serie C".
Su Carli ha spiegato: "La sua esperienza è servita molto. Abbiamo avuto delle difficoltà poiché non siamo stati in grado di realizzare un mercato come volevamo poiché abbiamo avuto alcuni elementi che hanno creato disturbo facendoci ritardare.
L'anno prossimo torneranno alcuni calciatori che abbiamo mandato in prestito.
Un loro reimpiego sarà legato al fatto di voler capire in che condizione torneranno e se verranno non lo faranno di certo per il contratto.
Qualcuno lo abbiamo mandato fuori per ritrovare serenità, gli abbiamo pagato anche lo stipendio: se servirà, lo rifaremo.
Il nostro obiettivo è quello di mettere su un organico non molto ampio che non vada oltre le 24 unità".
Sui rinnovi di contratto: "Prevederlo ora è difficile, bisognerà aspettare qualche giorno, bisognerà ascoltare quale sarà il giudizio che su di loro fornirà l'allenatore insieme con il direttore sportivo.
L'anno scorso ho provato anche io, nel ritiro di Roma, a trattenere alcuni elementi ma non ci sono riuscito, è stato tutto inutile.
Ecco questo è stato un errore che non ripeterò in futuro, nel calcio la gratitudine è per pochi".

comunicato n.164315



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 469803180 / Informativa Privacy