Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 171 volte

Benevento, 18-11-2023 15:36 ____
Chiesto al presidente De Luca il ritiro degli atti tesi alla privatizzazione della gestione della grandi fonti idriche della Campania
Si tratta delle sorgenti di Cassano Irpino e dell'invaso di Campolattato. Al Comitato sannita Abc come agli altri ricevuti a Palazzo San Lucia e' stato detto che si andra' avanti comunque con la gara
Redazione
  

Il Comitato sannita Abc di cui è responsabile Giovanni Seneca, insieme ad una delegazione di tutti i comitati per l'acqua pubblica della Campania è stato ricevuto dal presidente Vincenzo De Luca e dall'assessore Fulvio Bonavitacola per chiedere il ritiro della delibera di giunta numero 312 del 31 maggio scorso, con la quale si privatizza la gestione delle grandi fonti della Campania, ivi compreso Cassano Irpino e l'acqua dell'invaso di Campolattaro.
"Il presidente De Luca - si legge nella nota inviata alla Stampa - ha ribadito che la gara a doppio oggetto andrà avanti e non è stata fatta alcuna apertura ai Comitati, fatta eccezione di portarli a conoscenza degli atti di gara.
Contrariamente a quanto traspare dalle dichiarazioni rese dal presidente De Luca, i comitati per l'acqua pubblica della Campania sono categoricamente contrari alla costituzione della società mista pubblico-privato per la gestione della grande adduzione, perché non è una "gestione totalmente pubblica".
La partecipazione dei privati al 49% non consente di parlare di società pubblica, ma si tratta del solito "mostriciattolo giuridico" posto in essere per aggirare la volontà di 26 milioni d'italiani.
Come già detto a chiare lettere al presidente De Luca e all'assessore Bonavitacola nell'incontro a Palazzo Santa Lucia, ribadiamo che l'unica gestione pubblica dell'acqua è quella partecipata esclusivamente da soggetti pubblici (Stato, Regione, Provincia o Comuni). Respingiamo al mittente la gestione delle multinazionali, che contravviene ai due principi cardine del referendum del 2011: L'acqua deve restare fuori dal mercato; Non si può fare profitto sull'acqua.
Non ci prestiamo ad alcun tipo di strumentalizzazione e ribadiamo che continueremo a lottare per la difesa dell'acqua con tutti gli istituti di partecipazione diretta che la legge mette a disposizione del popolo per la difesa dei suoi diritti fondamentali.
La Giunta De Luca ha già violato una volta la partecipazione popolare con l'abolizione dei Comitati Consultivi previsti dall'articolo 20 della Legge 15/15 (mai disciplinati e mai convocati) non accetteremo altre lesioni di diritti costituzionali".

comunicato n.160546



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 369977953 / Informativa Privacy