Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 3271 volte

Benevento, 13-08-2016 08:28 ____
Clamorosa protesta per la nomina di un parroco. Nella notte i fedeli affiggono dei manifesti per esternare al vescovo tutto il proprio dissenso
"Eccellenza...! eppure le avevamo chiesto un parroco a tempo pieno!". Oggi ci sara' l'insediamento del "nuovo" sacerdote e la cerimonia non sara' in sintonia con lo stato d'animo di tutti
di Giacomo De Angelis
  

Oggi sarà una giornata di festa per la comunità parrocchiale della chiesa di Santa Anastasia Martire in Ponte.
Alle 18.00, infatti, così come abbiamo già scritto, è prevista la celebrazione eucaristica per il possesso canonico e l'inizio del ministero pastorale del nuovo parroco, don Alfonso Calvano.
A dare la notizia è stato un manifesto fatto affiggere ad inizio settimana dalla parrocchia di Sant'Anastasia Martire con cui si avvisa la comunità che don Alfonso Calvano, che da qualche mese il vescovo, monsignor Michele De Rosa aveva già nominato "amministratore parrocchiale", è stato ora indicato come il successore del precedente parroco, il compianto padre Pier Crisologo Botte deceduto l'11 maggio scorso.
Su questa cerimonia e festa, tuttavia, sembra aleggiare una diversificazione di stato d'animo.
Almeno ciò sembrano attestare due manifesti che stamane hanno fatto capolino sui tabelloni pubblicitari del paese; uno, addirittura listato a lutto, rivolto alla comunità ed un altro indirizzato, almeno si presume, al vescovo monsignor Michele De Rosa.
Per la loro comprensione autentica, se ne trascrive il contenuto.
Iniziamo dal primo: "Oggi, 13 agosto 2016 si è miseramente spenta l'esistenza secolare della parrocchia di Santa Anastasia Martire tuttavia, si dispensa dal partecipare al suo funerale che sarà celebrato alle ore 18.00 nella chiesa Madre"; questo, invece, quello del secondo: "Eccellenza...! Eppure le avevamo chiesto un parroco a tempo pieno!"
Il loro contenuto, dunque, non è propriamente in sintonia con l'invito del nuovo parroco a partecipare alla celebrazione eucaristica.
Ciò che, infatti, emerge in tutta evidenza è che l'autore e/o gli autori della iniziativa non condividono la scelta del vescovo per il successore di padre Pier Crisologo.
Sulle ragioni nulla è specificato se non l'aspettativa, oramai vanificata, di avere un parroco "a tempo pieno" che, probabilmente, potesse confermare alla parrocchia di Sant'Anastasia Martire le sue attività e la sua effettività, per l'appunto, di parrocchia.
Ai pontesi sono, peraltro, note le iniziative già attivate dai parrocchiani di Sant'Anastasia Martire da svariati mesi ed ancora prima della scomparsa del precedente parroco, per evitare che la loro parrocchia potesse essere declassata o addirittura soppressa.
Iniziative puntualmente e reiteratamente rappresentate a monsignor De Rosa.
Evidentemente ed anche alla luce di quanto già starebbe accadendo, l'autore e/o gli autori dei manifesti hanno inteso manifestare pubblicamente e anche in maniera plateale il timore che la "secolare parrocchia" di Sant'Anastasia possa effettivamente ridursi ad una succursale, aperta al culto ed ai fedeli solo la domenica, dell'altra parrocchia del paese.
Una tale eventualità non sembra poi tanto improbabile se si considera che il suo nuovo parroco, don Alfonso Calvano, è in effetti già parroco dell'altra chiesa locale, quella di Santa Generosa Martire, direttore della Caritas Diocesana di Cerreto Sannita nonché direttore regionale in Campania della Migrantes; insomma un prete molto impegnato.
Ai fatti ed ai posteri l'ardua sentenza, dunque!

 

comunicato n.94137



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 176359331 / Informativa Privacy