Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 500 volte

Benevento, 05-03-2023 17:25 ____
Calcio, Serie B: Il Benevento esce indenne dalla trasferta di Terni. Per due volte sotto, i giallorossi riescono a riequilibrare il match
Anche la fortuna ha arriso ai sanniti con tre legni colpiti dai padroni di casa. Stellone: E' un punto che fa tanto morale. Ora pero' dobbiamo vincere
di Luca Pietronigro
  

Ternana (3-4-1-2): Iannarilli; Diakité, Sorensen, Mantovani; Cassata (62' Bogdan), Coulibaly (84' Paghera), Di Tacchio (68' Proietti), Corrado (62' Martella); Palumbo; Partipilo, Falletti (68' Capanni). A disposizione (Krapikas, Vitali, Mazzarani, Ferrara, Onesti, Koffi, Agazzi) Allenatore Cristiano Lucarelli

Benevento (3-4-2-1): Paleari; Letizia, Leverbe, Tosca; Improta, Viviani (62' Schiattarella), Acampora, Foulon; Karic, Tello; La Gumina (77' Simy). A disposizione (Manfredini, Lucatelli, Kubica, Farias, Jureskin, Agnello, Carfora, Pastina, Koutsoupias, Capellini) Allenatore Roberto Stellone

Arbitro: Federico Dionisi di L'Aquila
Assistenti: Domenico Rocca di Catanzaro e Federico Longo di Paola
IV Uomo: Adolfo Baratta di Rossano
Var: Aleandro Di Paolo di Avezzano
Assistente Var: Oreste Muto di Torre Annunziata
Reti: 6' Mantovani, 20' Acampora, 31' Coulibaly, 46' pt Tello
Ammoniti: Karic, Acampora, Schiattarella, Foulon (B); Cassata, Martella, Diakite (T)
Angoli: 6-4
Recupero: 4' pt; 4' st
Spettatori: 5556 (1723 abbonati e 214 ospiti).

La storia è quella del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto.
Per come si erano messe le cose e per l'andamento che stava prendendo la partita possiamo dire che è un punto guadagnato quello che ha strappato il Benevento Calcio sul campo della Ternana pareggiando l'incontro con il punteggio di 2-2.
Per due volte i giallorossi sono andati sotto nel punteggio e in entrambi i casi, prima con Acampora e poi con Tello, sono riusciti a riprendere in mano la partita e, con un pizzico di fortuna, a strappare anche il punto visto che i padroni di casa hanno colpito due pali e una traversa nel corso della ripresa.
Di positivo in questa partita c'è la reazione che la squadra ha avuto sia alla brutta prestazione fornita contro il Sud Tirol che alle reti subite, c'è il fatto che si è tornati a fare gol, ben due come non succedeva da un po', ma restano tanti i problemi.
Al solito di un attacco asfittico, si sono palesati quelli di una difesa disattenta che ha avuto parecchie difficoltà nel contrastare gli umbri, soprattutto sugli sviluppi dei calci da fermo.
Lo stesso Paleari, in occasione delle reti subite, non è apparso impeccabile e delle responsabilità ricadono anche su di lui.
Per quanto riguarda la classifica, di positivo ci sono le sconfitte di Venezia e Perugia contro rispettivamente Frosinone e Sudtirol che fanno accorciare ancora di più la classifica ma c'è da registrare anche la vittoria della Spal contro il Cittadella che ha permesso agli estensi di raggiungere, a quota 28 punti, proprio i sanniti.
Importante sarà la sfida di sabato prossimo con la Strega che ospiterà, al "Ciro Vigorito", il Como che ha battuto il Modena con una rete di Cerri.
Venendo alla cronaca, Roberto Stellone alla vigilia del match aveva annunciato gli undici che avrebbe mandato in campo ma non il modulo.
A sopresa sceglie una sorta di 3-4-2-1 con Letizia, Leverbe e Tosca davanti a Paleari.
A centrocampo gli esterni sono Improta e Foulon con Viviani e Acampora al centro, quindi Karic, in ruolo per lui inedito, e Tello dietro la punta che è l'ex La Gumina.
Nella Ternana, Cristiano Lucarelli si affida al 3-4-1-2 con Palumbo dietro le punte che sono Falletti e Partipilo, viste le tante defezioni che si sono registrate in quel reparto.
Dopo sei minuti di gioco, i padroni di casa passano in vantaggio sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Palumbo su cui si avventa di testa Mantovani che di testa batte Paleari.
Al 20', però, la Strega ha la forza di reagire e di trovare il pareggio con Acampora il quale riceve il pallone da Tello e fa partire un sinistro che si infila nell'angolino e su cui poco può Iannarilli.
Quattro minuti dopo, la Ternana ha una ghiotta oppurtunità per tornare in vantaggio sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Palumbo.
Si crea una grande mischia in area su cui la retroguardia giallorossa si salva.
I locali protestano per un presunto fallo di mano, prima di Karic e poi di Tello ma il direttore di gara, dopo un consulto con il Var, non concede il calcio di rigore.
Al 31' la Ternana passa ancora in vantaggio sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Palumbo su cui Partipilo fa da sponda per Coulibaly che di testa insacca, trovando, ancora una volta, un Benevento disattento sulle palle inattive.
Al 43' Improta ruba la sfera, penetra in area e fa partire una conclusione che viene bloccata da Iannarilli senza alcun problema.
Poco prima della fine della frazione, la Strega perviene nuovamente al pareggio sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Acampora su cui si avventa di testa Tello che trova la quinta marcature stagionale.
Ancora al 48' c'è anche un tentativo di Foulon con il pallone che viene deviato in corner.
La ripresa vede il Benevento subito pericoloso con Acampora che conclude di sinistro dal limite con Iannarilli che blocca il pallone.
Al 13' Karic, servito da Foulon, mette il pallone sopra la traversa.
Tra i padroni di casa ci sono Martella e Bogdan per Corrado e Cassata, mentre nella Strega Schiattarella per Viviani.
Al 21' proprio Martella fa partire un sinistro che centra il palo.
Nelle Fere entrano Capanni e Proietti per Falletti e Di Tacchio e alla mezz'ora è proprio la Ternana a colpire il secondo legno di giornata sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Palumbo su cui di testa c'è Letizia che per poco non commette l'autorete.
Dopo l'ingresso di Simy per La Gumina, il Benevento trova anche la rete con Schiattarella che, però, viene annullato per una posizione di fuorigioco di Tello che viene considerata influente ai fini dello svolgimento dell'azione.
In pieno recupero, i locali centrano il terzo legno di giornata sugli sviluppi ancora di un corner battuto da Palumbo si cui c'è Diakite di testa con il pallone che sbatte sulla traversa e la fortuna che arride la Strega.

Le voci dagli spogliatoi

Roberto Stellone, allenatore Benevento
"Si tratta di un buon pareggio, mi è piaciuta la reazione dopo i loro gol. Buona sia la prestazione che l'impegno messi in campo dai ragazzi.
Sul modulo, non eravamo convinti di come si sarebbe schierata la Ternana, quindi era uno schieramento che poteva permetterci di contrastarli bene, passando poi con gli stessi calciatori con la difesa a quattro.
Ho preferito mettere Acampora a fare palleggio insieme a Viviani e poi con Schiattarella.
Karic mi serviva nel sostegno a La Gumina e Tello. 
E' nato una sorta di 3-4-2-1 in fase offensiva e un 5-4-1 in difesa. Lo abbiamo fatto bene.
Abbiamo interpretato al meglio la partita anche dopo l'ingresso di Schiattarella.
Purtroppo prendere gol su palla inattiva dipende anche dai calciatori in campo ed i nostri, oggi, non erano altissimi.
Abbiamo visto che la Ternana contro il Palermo è andata molte volte vicino al gol in una marcatura a uomo.
Marcare a zona ti permette di non rischiare trattenute di maglie, quindi abbiamo cercato di contrastare i calciatori più forti e gli altri a zona.
Loro hanno fatto due gol perché hanno calciato bene, non perché eravamo posizionati male. Non mi sento di dare la colpa ai ragazzi.
Il punto di oggi fa morale.
La classifica è corta ma per fare il salto serve una vittoria e la partita di sabato ce ne da la possibilità.
Riavremo Pettinari, Farias avrà nelle gambe una settimana in più di allenamenti e servirà la stessa interpretazione di oggi.
Come ho detto, Pettinari sosterrà un test per capire se martedì potrà rientrare in gruppo. Per me ce la farà con il Como.
Per quanto riguarda Farias, visto come si era messa la partita, è stato meglio non rischiarlo".

Cristiano Lucarelli, allenatore Ternana
"Devo fare i complimenti ai ragazzi perché hanno spinto per novanta minuti fino all'ultimo per cercare di vincere la partita.
Il fatto di aver colpito tre legni nel finale ci dà delle risposte importanti, sia dal punto di vista fisico, che caratteriale, che dell'appartenenza della maglia.
Se mi dite se sono contento del risultato ovviamente no, rimane l'amaro in bocca.
Con pochi ricambi, i giocatori hanno dato tutto, hanno dato il cuore, alla fine le Curve ci hanno applaudito e sono contento di questo".

 

                                          

comunicato n.155482



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 315242285 / Informativa Privacy