Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1310 volte

Benevento, 14-11-2022 15:04 ____
Mi indigno quando si dice che l'opposizione non fa proposte perche' cosi' non e'. Le facciamo ma veniamo risposti con arroganza, dice Perifano
Mastella e' convinto che ci sia una ossessione personale nei suoi confronti da parte nostra. Non e' affatto cosi'. Se lui facesse il critico d'arte o il ministro, non avrebbe alcun peso specifico nelle nostre argomentazioni quotidiane ma il fatto e' che egli e' il sindaco della citta' e quindi deve accettare il confronto
Nostro servizio
  

Le componenti di Sinistra dell'opposizione all'Amministrazione comunale Mastella, hanno risposto con una Confenza Stampa, termine giusto stavolta per descrive l'evento di stamane, al messaggio del sindaco affidato ad alcune emittenti locali, per fare il punto sul lavoro svolto nel primo anno della seconda amministrazione Mastella.
Quello a cui hanno tenuto particolarmente i consiglieri di opposizione è far sapere alla cittadinanza, tramite la Stampa, che è stata ringraziata per il lavoro svolto e per la costante rilevanza che dà alle attività della minoranza consiliare, che il loro, quello dei consiglieri, è un lavoro costante anche se spesso si cerca di metterla in caciara per sminuirne l'importanza e l'efficacia.
Ad aprire i lavori è stato Luigi Diego Perifano (al Tavolo con lui Floriana Fioretti, Angelo Moretti, Giovanna Megna, Giovanni De Lorenzo, Raffaele De Longis, Maria Luigi Pittaluga e Marialetizia Varricchio), il quale ha sottolineato che oramai solo la dialettica vivace riesce ad alimentare il dibattito.
Floriana Fioretti ha quindi illustrato buona parte delle attività poste in essere in questo anno dall'opposizione, divise per settore, e lo stato in cui esse si trovano, tra proposte accolte, inevase, respinte.
E' questa l'occasione, ha detto Fioretti, per parlare alla città attraverso i vostri organi d'informazione e di ciò che è stato fatto da noi dell'opposizione che siamo stati definiti anche come ostruzionisti che non fanno proposte, che sanno solo criticare.
Noi respingiamo questo assunto, ha proseguito Fioretti, perché così non è e lo schema che abbiamo consegnato nelle vostre mani, ne è la prova (lo pubblichiamo a fondo pagina ndr).
E' stato invece un anno che ci ha caratterizzati per il controllo e la vigilanza che abbiamo frapposto all'attività di questa Amministrazione comunale con particolare riguardo alla gestione del dissesto finanziario.
Voglio sottolineare, ha ancora detto Fioretti, che ancora non ci sono stati consegnati i 250 nomi di creditori "privilegiati" che hanno ottenuto il pagamento dei loro crediti senza che ci fosse l'autorizzazione dell'Organo Straordinario di Liquidazione (Osl).
Ma è su tanti altri punti che il Comune è in ritardo a cominciare dal nuovo Piano Urbanistico Comunale (Puc), al Piano del Verde Pubblico, al Piano Commercio, al Piano Traffico, al Piano per le Barriere Architettoniche, tutte cose che ci portiamo avanti oramai dalla passata consiliatura.
Il nostro punto di riferimento per valutare lo stato di attività di questa Amministrazione comunale è l'atto ufficiale del documento programmatico del sindaco per il 2021-2016.
Non c'è stato più il Tavolo per la crisi delle piccole e medie imprese, ha proseguito Fioretti, e l'Osservatorio permanente sullo Sport.
In Commissione lavoriamo bene e cerchiamo di essere da pungolo e di lavorare per aggiustare il tiro ma poi il tutto si perde nei giorni successivi (il sindaco ha detto che comunque non bisogna fare "comunella"... ndr).
E così restano solo i toni trionfalistici ma ingiustificati sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) e le strategie divulgate contrastano con le incompiute.
Solo annunci sono stati fatti anche sulle scuole ma la realtà è che esse sono ancora chiuse.
L'alternativa a questo stato di cose, ha concluso Fioretti, si costruisce con una visone diversa della città.
Luigi Diego Perifano, ha confermato che la loro valutazione si è mossa sull'esame della relazione di mandato del sindaco e così come annunciato all'inizio della consiliatura, l'opposizione è stata ed è intransigente sulle storture che dovesse accertare ma anche aperta ad una visione strategica.
Avevamo chiesto che sul Pnrr ci fosse un cronoprogramma, un master plan, ma non lo abbiamo ottenuto.
La Cabina di regia che avrebbe dovuto risolvere tutte le problematiche è finita nel dimenticatoio oramai da tempo e solo ora pare si voglia nuovamente risvegliarla.
Il Piano Urbanistico Comunale è in pratica fermo allo scorso anno. Al momento al riguardo ci sono solo dichiarazioni di intenti.
E quindi il morale della favola è che se mancano gli strumenti della programmazione come facciamo a confrontarci su questi grandi temi?
L'Amministrazione non regge il confronto con le nostre argomentazioni ed allora ci dicono che noi sappiamo solo criticare senza fare proposte, ma così non è.
Mi indigno quando si dice che l'opposizione non fa proposte.
Le proposte ci sono, vengono presentate ma l'Amministrazione ha sempre risposto con arroganza, ha concluso Perifano.
Angelo Moretti ha preliminarmente sottolineato la buona intesa che c'è tra le varie componenti dell'opposizione di Sinistra con il Pd, Città Aperta e Civico 22. In questo anno abbiamo fatto proposte, denunce e controlli.
Nelle Commissioni, ha confermato Moretti, il dialogo funziona ed in quella per gli Affari Sociali lavoriamo alla regolamentazione delle sale scommesse, dell'affido dei minori. Il tutto però è uno iato perché non c'è nulla di concreto rispetto a questi argomenti.
Prendiamo la casa Jonas o il bene Ciotta sequestrato dalla magistratura. C'è il bene ma non c'è una programmazione soprattutto dal punto di vista socio-sanitario.
La programmazione si fa prima che le opere vengano completate altrimenti quando tutto è finito poi non si sa che farne.
Senza un piano di intervento sull'adolescenza è poi difficile ed inutile lamentarsi su ciò che magari avviene nei fine settimana nel Centro Storico. Lo stesso discorso vale per la psichiatria sociale, ha concluso Moretti.
Giovanna Megna ha sottolineato come nel mezzo del bilancio dell'attività dell'Amministrazione Mastella ci sono state due batoste riferite alla classifica sulla qualità della vita e sull'ambiente dove perdiamo addirittura 19 posizioni.
Si è detto che Benevento sia stata rilanciata a livello europeo ma così non è. Questo buonismo si infrange con un pessimo dato reale.
Anche il traffico che subiamo e che alimentiamo quotidianamente è incompatiile con una piccola cittadina come è Benevento.
Poi Megna ha avuto parole di decisa critica sull'atteggiamentio assunto sulle scuole.
Chiuderne alcune per tanti anni significa incidere sia sul traffico, appunto, che sulle famiglie.
L'affare scuola è divenuto uno dei capitoli più importanti di spesa di questo Comune. Alcuni Istituti sono stati già chiusi nella passata consiliatura ed io sono allarmatissima per quanto potrebbe avvenire per la "Nicola Sala" e la "Torre".
E' inaccettabile il tono assunto dal sindaco Mastella al riguardo. Non si può dire che le scuole saranno abbattute ma che ancora non si sa dove saranno collocati gli allievi nell'attesa delle nuove costruzioni. Certamente diciamo no deciso ai doppi turno.
 L'impressione è che ci sia il solo obiettivo di far arrivare soldi, a prescindere poi dall'utilità delle cose che si andranno a fare con essi.
Moretti ha evidenziato a proposito di scuole, come non si sia più parlato di quella a Ponticelli dove la situazione di degrado delle famiglie che la abitano è inaccettabile.
Giovanni De Lorenzo ha sottolineato la faciloneria con la quale si agisce anche a livello amministrativo. Avevo fatto notare in Consiglio comunale che una delibera contenesse degli errori, a proposito di un debito fuori bilancio. Ciò era stato riconosciuto in Aula ed il presidente Parente si era raccomandato con il segretario generale affinché si apportasse la modifica dovuta, ma non è stato fatto e la delibera è stata confezionata così come era prima del mio rilievo.
Perifano prendendo ancora la parola ha sottolineato come la Cabina di regia per il Pnrr non possa sostituirsi alla discussione sulla idea di città e che dietro questa vetrina poi ci debba essere la sostanza. Il Pnrr dovrebbe rappresentare anche l'occasione per ragionare ed invece tutto è divenuto oramai parte di un cosiddetto piano straordinario di Lavori Pubblici.
Abbiamo già conosciuto nei decenni trascorsi altri strumenti simili come il Prusst ed il Piu Europa...
Mastella è convinto che ci sia una ossessione personale nei suoi confronti da parte nostra.
Non è affatto così. Se lui facesse, infatti, il critico d'arte o il ministro, non avrebbe per noi alcun peso specifico nelle nostre argomentazioni quotidiane ma il fatto è che egli è il sindaco della città e quindi deve accettare il confronto.
Megna, prima di chiudere, ha voluto aggiungere sottolineando come sia da stigmatizzare con forza il linguaggio usato dal sindaco che non di rado da dell'idiota al cittadino che lo contesta o a noi stessi consiglieri comunali. Tutto ciò è inaccettabile.




 

 

comunicato n.153355



SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 302454296 / Informativa Privacy