Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 2411 volte

Benevento, 24-01-2012 19:50 ____
Non si sa dove si andrà a parare ma si sa solo che bisogna farlo. Così il gruppo di lavoro per accertare la situazione debitoria del Comune
Si parte da lontano, dalla fine degli anni Settanta con gli espropri per le cooperative edilizie. Un lavoro grande per un debito enorme stimato in oltre 15milioni di euro
Nostro servizio
  

Non si sa dove si andrà a parare.
Questa è l'impressione, anzi la certezza, che oramai prende i responsabili del gruppo di lavoro organizzato per cercare di capire finalmente qual è la situazione debitoria del Comune di Benevento.
Nel pomeriggio a Palazzo Mosti, presieduta dal sindaco Fausto Pepe, si è svolta la riunione che ha coinvolto, oltre agli assessori competenti, Cosimo Lepore e Marcello Aversano, i responsabili dell'ufficio Urbanistica, Bilancio, Contenzioso, Lavori Pubblici e Patrimonio.
Dodici persone attorno ad un tavolo per quasi tre ore, per tracciare la mappa di quella che potrebbe essere la debitoria del Comune ad oggi.
Stiamo parlando di denaro a pagarsi soprattutto per espropri ma a partire dalla fine degli anni Settanta, dal 1976 in avanti.
E' un lavoro immane, ci è stato detto, ma bisogna farlo perché c'è la necessità di capire e soprattutto di non vivere di paure legate a sentenze che quando arrivano rischiano di mettere in ginocchio l'Ente locale.
E' tutto lì, negli espropri, il valore del debito, espropri utilizzati tanto per opere pubbliche realizzate o per quelle mai realizzate.
C'è poi la differenza da incassare, stavolta a favore del Comune, per la cessione dei suoli alle cooperative in diritto di proprietà e non di superficie, come è stato quasi sempre fatto, dando un beneficio economico ai sodalizi che acquistavano il terreno ad un prezzo certamente inferiore e senza che questa differente acquisizione avesse un qualche riflessio sulla proprietà visto che il diritto di superficie, che alla scadenza è poi rinnovabile, dura 99 anni.
Ora il Comune vuole ritrattare queste concessioni.
Ci sono poi da esaminare le cause ripetitive e cioè quelle che per lo stesso motivo e per la stessa cifra vengono riassunte dinanzi al Tribunale più volte e con motivazioni diverse.
La settimana entrante ci sarà una nuova riunione di questo gruppo di lavoro e si andrà avanti così fino alla fine.
Un lavoro grande per un debito enorme che è stimato ben oltre i 15 milioni di euro.

comunicato n.40867




Società Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 269434751 / Informativa Privacy