Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 4045 volte

Benevento, 21-11-2010 09:27 ____
Al Teatro Comunale si è svolta la XI edizione della Festa del Medico Sannita. Trapasso nozioni tra gli anziani ed i giovani
Su tutti anche un monito: Non correte solo appresso ai soldi ed ai facili guadagni. Una carezza a volte vale più di una terapia... GUARDA TUTTE LE FOTO
Nostro servizio
  

Presentata da un ottimo Pasquale Grimaldi, medico di lungocorso ma anche brillante conduttore, si è svolta al Teatro Comunale la tradizione Festa del Medico sannita, giunta alla undicesima edizione.
E' stato il prefetto di Benevento, Michele Mazza, ad individuare come fondamentale nella vita della nostra società la figura del medico ed il diritto alla salute e ad essere curati sancito dall'articolo 32 della Costituzione.
Tutto questo è stabilito nella nostra carta costituzionale, è vero, ma sono poi i medici che traducono il concetto in realtà.
Qui poi, ha ancora detto il prefetto, è bello vedere il passaggio del testimone dal medico anziano a quello più giovane, addirittura appena laureato. Sono due sentimenti che s'incontrano.
Possiamo fare a meno di tutto: dell'avvocato, dell'ingegnere, anche del prefetto, ma non del medico.
Quando la parola è tornata a Pasquale Grimaldi c'è stato anche un attimo di commozione quando ha ringraziato tutti gli amici che lo hanno sostenuto in una sua brutta avventura personale che ha superato benignamente...
Quindi ha preso la parola il presidente dell'Ordine, Vincenzo Luciani, che ha lodato innanzitutto proprio la conduzione di Grimaldi, vero motore propulsivo di questa serata. Mi sento emozionato, ha detto il presidente, ad impersonare la figura del vostro presidente proprio nel centenario dalla fondazione.
In questo spirito di festeggiamenti tutti devono essere e sentirsi coinvolti e soprattutto i giovani che devono ben comprendere che una cosa è essere medico ed un'altra è fare il medico. Per comprendere meglio questo concetto ci sono gli anziani. Da loro ci viene trasmessa la sapienza e l'esperienza che bisogna saper cogliere e non disperdere.
Quindi la Festa è proseguita con la presentazione sul palco di tutti i giovani laureati, due di loro Roberta Minicozzi, odontoiatra e Luigi Calandriello, anche a nome dei colleghi, hanno letto il "Giuramento d'Ippocrate".
Quindi si è passati alla consegna a ciascuno di loro di una copia del giuramento, appunto, personalizzata con il proprio nome, ed alcuni volumi offerti dall'Ordine. E' stata poi la volta del riconoscimento, una medaglia d'oro, assegnata, ai medici con 40 anni di iscrizione all'Ordine.
Pasquale Grimaldi è stato anche qui molto abile. A tutti, seppur emozionatissimi, è riuscito a far dire qualcosa legata ai tanti anni di esperienza vissuti sul campo. Da uno di loro, De Vizio, è anche giunto un monito: Bisogna rimettere l'ammalato al primo posto nella scala dei valori. 
Talvolta questo il medico non lo fa pensando solo a rimpiersi le tasche di soldi. Non lo fate, ha detto ai giovani e tenete conto che a volte una carezza fatta non alla paziente bella ragazza ma al più umile di essi, all'anziano, al morente, vale più di ogni terapia.
Ultimata la consegna degli attestati, la parola, anzi la voce è passata al duo "Aneme 'e core" composto da Paolo e Salvatore, che ha proposto ai presenti un repertorio di canzoni napoletane.

Ecco l'elenco dei premiati per i 40 anni di laurea

1) Giovanni Amore; 2) Teresa Cavallo; 3) Pietro De Vizio; 4) Valeriano Facchiano; 5) Sergio Fiorito (in assenza del padre ha ritirato il riconoscimento il figlio Ivan); 6) Nicola Lembo; 7) Antonio Mazzeo; 8) Vittorio Moscato; 9) Bruno Pascucci; 10) Antonio Vassallo.
 
E questi sono i giovani medici ed odontoiatri che hanno pronunciato il "Giuramento di Ippocrate".

Luigi Calandriello; Roberta Minicozzi (odontoiatra); Valeria Amico, Elisabetta Filomena Buonaguro, Giuseppina Carpentieri, Giacomo Maria Catalani, Vincenzina Crisci, Angelo Delli Veneri,  Anna Filomena Ferravante, Giuseppina Galietta, Rosa Maria Giamattei, Guido Giordano, Marianna Iaquinto, Antonella Marotta, Mario Matera (odontoiatra), Giuseppe Meccariello (odontoiatra), Antonella Meola, Silvio Peluso, Anastasia Renzi, Silvia Ruggiero, Elisabetta Saracco ed Andrea Tufo.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

comunicato n.23189




Società Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 209235210 / Informativa Privacy