Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1675 volte

Benevento, 11-07-2010 10:39 ____
Una conferenza stampa per annunciare il mancato finanziamento di "Zona franca". Silenzio poi per non dire che i soldi sarebbero stati assegnati
Ecco l'intervento di Jean Pierre el Kozeh che su questa anomala vicenda e sugli ingenti investimenti culturali a Benevento, dà la sua opinione
Redazione
  

Jean Pierre el Kozeh (foto), noto e stimato operatore culturale, risponde alla lettera inviataci da Pierluigi Iele il quale, a sua volta era intervenuto nel dibattito sulla qualità e la quantità della spesa  sostenuta dall'Assessorato alla Cultura di Benevento  spesa che, per i dati in nostro possesso, fino a questa parte dell'anno, si attesterebbe intorno all'1,5 milione di euro.
Malgrado questa cifra enorme, l'assessore alla Cultura Del Vecchio ha pensato bene di tenere una conferenza stampa per annunciare che una delle sue iniziative ("Zona Franca") non si sarebbe tenuta a causa del mancato finanziamento da parte della Regione.
Conferenza stampa per dire che il finanziamento regionale non c'era. Nessun'altra conferenza stampa per dire che il finanziamento poi, alla fine, solo qualche ora dopo il suo "ferale" annuncio, c'è stato!
A questa ha  replicato Antonio Capuano, consigliere comunale del Pdl a cui ha fatto seguito l'intervento di Pierluigi Iele che è risposto a sua volta ora da Jean Pierre el Kozeh.
Ci piace rimarcare che intorno a questa vicenda si stia sviluppando un dibattito. Forse per troppo tempo un po' tutti siamo stati in silenzio. E questo non è mai un bene.
Ecco ora la nota di Jean Pierre el Kozeh.
"Innanzitutto ringrazio Pierluigi per essere intervenuto con la sua interessante nota che consente di fare ancora una volta dibattito sulle attività culturali della nostra città.
Ma soprattutto ha il merito, nella spontaneità dello sfogo, di spiegare che le attività culturali vanno oltre, in termine di attività e di risorse umane coinvolte, la vetrina dell’esibizione.
Ed è anche assolutamente condivisibile l'affermazione che "un'ampia e solida programmazione culturale e artistica" è indispensabile per consentire la sopravvivenza degli operatori dello spettacolo.
D'altro canto mi permetto, con la speranza di alimenatare quel dibattito auspicato dallo stesso Pierluigi, di non condividere altre sue posizioni.
In primo luogo non credo che la maniera migliore per avviare un ragionamento (di qualsiasi argomento tratti ma soprattutto su tematiche culturali) sia quello del dare dell’ignorante all'interlocutore: capisco che il coinvolgimento emotivo può far usare impropriamenre le parole ma se in questa città, nella nostra città, non dismettiamo rapidamente questo clima da guerra civile diffusa, in cui le posizioni dell’altro sono quelle del nemico e non dell’avversario da rispettare pur nella diversità della posizione, credo che il confronto resterà solo una bella parola che ipocritamente continueremo ad utilizzare per mantenere comunque le proprie posizioni e quindi restare sempre allo stesso punto e cioè non crescere.
Così come mi lascia perplesso la stigmatizzazione del diritto di critica di qualcuno nei confronti di qualcun altro: questo è sempre legittimo e sacrosanto e soprattutto noi operatori della cultura abbiamo il diritto di difenderlo anche quando viene esercitato a nostro discapito.
Ad esso si oppongono idee, non censure!
Entrando poi nel merito del ragionamento di Pierluigi sulla sospensione  dei finanziamenti ad alcune rassegne della nostra città  (tra cui Città Spettacolo) mi farebbe piacere capire meglio, e capire anche perché Pierluigi non vi faccia riferimento, quale sia la logica che spinge un assessore ad organizzare una conferenza stampa "anomala" per annunciare il fatto salvo poi non prendersi la briga, quando pochissimi giorni dopo accade, neanche di fare un comunicato stampa per dire che il finanziamento in questione sarebbe stato sbloccato.
Detto questo sono ben felice che Pierluigi sia finalmente intervenuto nel dibattito sulla cultura che ha sempre bisogno di nuove voci, nuove visioni e nuove energie.
Naturalmente mi avrebbe fatto piacere che questa cosa fosse avvenuta prima e cioè quando ben altre programmazioni culturali o eventi (quale per esempio Il Bengiò Festival cui lui era professionalmente legato) venivano cancellate e, soprattutto, quando la sua collaborazione con recenti iniziative del Comune consentisse di non gettare ombre su questo suo intervento.
D'altro canto, fidandomi della sua buonafede, vorrei entrare nel merito di alcune sue affermazioni partendo da un presupposto: che oggi la nostra città è dotata di un capitale umano legato alle attività culturali in grado di competere adeguatamente sul mercato nazionale ed internazionale.
Quello che manca invece è una vera industria che consenta a queste professionalità di poter restare sul territorio e non andare ad arricchire altre esperienze da noi lontane.
Per far ciò però non basta una programmazione culturale fatta di rassegne che si susseguono; serve una cultura d’impresa della cultura, mi si scusi la ripetizione, che svincoli le attività dal finanziamento pubblico e renda il settore da esso indipendente se non totalmente almeno parzialmente. Non esiste infatti alcuna area di attività al mondo in cui si investono vari milioni di euro in 4 anni e che non si riesca a rendere non dico redditiva ma almeno autoremunerativa.
Quando ciò accade delle due l'una: o è sbagliato l’investimento o è sbagliato il management!
Oggi nella nostra città non c'è proprio lo sforzo di applicare alla cultura ed alle attività ad esse riconducibili sane pratiche di gestione: per capirci mi chiedo come sia mai possibile che dopo trent'anni di storia Città Spettacolo non abbia uno sponsor, non abbia un contributo serio da privati che gli consenta di coprire parte del budget svincolandola dall’attesa del pubblico contributo e quindi non riesce a fare una seria azione di marketing chiudendo il cartellone due mesi prima dell'inizio?
Ma soprattutto, come è mai possibile che con tutti i soldi che si spendono in consulenze varie nessuno abbia mai pensato di creare una struttura di marketing e fund raising stabile che in maniera continuativa supporti la programmazione culturale della Città e, perché no, dell'intera Provincia?
Caro Pierluigi, credo che entrambi auspichiamo la stessa cosa e cioè la creazione di un'economia legata alle attività culturali ed artistiche stabile e forte che consenta ai vari operatori e professionisti dello spettacolo di vivere a Benevento dignitosamente del prorio lavoro e, soprattutto, non soggetti agli umori del politico di turno che, secondo la logica dello spoil sistem, azzerra tutto ciò che c'era prima del suo arrivo per impiantare la "sua" programmazione in nome di una non chiara "discontinuità" e disponendo dei soldi publici come se fossero i propri.
Per tentare di superare questa situazione che non consente a nessuno di crescere, tranne le tasche di qualcuno, c'è bisogno di qualità e non di quantità della spesa, c'è bisogno di mentalità e non solo di abilità  ed è per questo che da vari mesi che ho proposto un "Patto per la Cultura" che, evidentemente, interessa pochi o nessuno.
E' probabile quindi che si preferisca continuare così, elargendo soldi pubblici che non lasceranno traccia non perché la qualità degli interventi (alcuni) non sia buona ma perché non si crea sistema, mortificando coscienze e professionalità mal pagate (talvolta in nero) con la logica di un po' a tutti così non scontentiamo nessuno  e attendere che tra qualche settimana, mese o anno  qualche persona di grande entusiasmo ed altrettanta ingenuità ci ricordi ancora  una volta "quanto sia importante per Benevento e per tutti gli operatori del settore (ma non solo), un'ampia e solida programmazione culturale ed artistica".
A tal proposito Sant'Agostino ci ricorda (a me per primo) che "sono tempi cattivi, dicono gli uomini. Vivano bene, e i tempi saranno buoni. Noi siamo i tempi".

Abbiamo poi sentito telefonicamente el Kozeh il quale ha tenuto a precisarci che il suo intervento è finalizzato ad aprire un dibattito sulla politica culturale a Benevento indipendentemente dai finanziamenti in senso stretto (200mila o 300mila).
E tuttavia sembra che alla nostra città comunque non siano stati tagliati i fondi originariamente previsti e cioè i 300mila euro consistenti in 200mila per Città-Spettacolo e 100mila per quella rassegna che poi doveva sostituire "Quattro notti e più..."

comunicato n.17628




Società Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 228632939 / Informativa Privacy